inglese italiano  facebook  twitter  Contattaci

HOME> COSTRUIRE PONTI PER IL FUTURO

COSTRUIRE PONTI PER IL FUTURO


Il 17-18 aprile 2013 a Bruxelles si è svolto il terzo evento annuale LEADER promosso dalla Rete Europea per lo Sviluppo Rurale (RESR). L’evento, dal titolo “Costruire ponti per il futuro”, ha avuto l’obiettivo di sostenere e facilitare l’efficace programmazione dello sviluppo locale di tipo partecipativo al livello nazionale e locale. Sono stati invitati a partecipare all’evento i rappresentanti dei Gruppi di azione locale, delle Autorità di gestione, degli organismi pagatori, delle Reti rurali nazionali, del Punto di contatto della RESR, della Commissione europea e di varie organizzazioni europee.

Il GAL GardaValsabbia ha preso parte all’evento proponendo all’attenzione degli esperti presenti il progetto di cooperazione transnazionale Green Line come “buona pratica”. Punto di forza del progetto è l’essere un primo importante passo verso la costituzione di un network europeo fra i territori rurali costieri lacustri. Per ora infatti sono coinvolti nel progetto i GAL delle sponde del Lago di Garda e il GAL Balaton Uplands Action Group ma, proprio in seguito all’incontro di Bruxelles, altri GAL si sono interessati e potrebbero aderire al progetto.

Altro importante valore aggiunto di Green Line è l’essere un modello verso una strategia di sviluppo 2014-2020 che vada oltre i territori, per un’offerta rurale coordinata dell’intera area, anche in vista di EXPO 2015.

L’incontro ha rappresentato una preziosa piattaforma di scambio tra tutti i soggetti interessati attivamente partecipi e/o coinvolti nella definizione del futuro di LEADER. L’acronimo “LEADER” deriva dal francese "Liaison entre Actions de Développement de l'Économique Rurale" (“Collegamenti tra azioni dello sviluppo economico rurale”). L’idea di fondo consiste nell’ottimizzare le energie e le risorse di tutti i soggetti che possano contribuire al processo di sviluppo rurale, costituendo partenariati a livello subregionale tra il settore pubblico, privato e la società civile. Il metodo LEADER si fonda su sette caratteristiche fondamentali che devono essere presenti simultaneamente per poter applicare il metodo correttamente. Queste peculiarità definiscono LEADER in quanto metodologia e lo differenziano dai singoli programmi di finanziamento.

1. L’approccio ascendente

2. L’approccio territoriale

3. Il partenariato locale

4. L’integrazione a livello multisettoriale

5. Il collegamento in rete

6. L’innovazione

7. La cooperazione interterritoriale ed internazionale

Le due giornate di lavoro sono state molto intense: a una prima sessione plenaria, per condividere obiettivi e metodologie dell’incontro, ha fatto seguito la sessione “showcasing” dedicata allo scambio di esperienze e casi di studio (all’interno della quale è stato presentato il progetto “Green Line”). Al termine si è aperta la Fiera in cui ogni Paese ha portato in esposizione il meglio dei propri prodotti locali. Il progetto promosso dal GAL GardaValsabbia ha trovato un’importante vetrina nello spazio italiano, coordinato dalla Rete Rurale Nazionale.

Il giorno successivo la discussione è proseguita per gruppi di lavoro, focalizzati rispettivamente su come definire un programma di sviluppo rurale che possa esprimere al meglio il valore aggiunto di LEADER, su come sviluppare strategie di sviluppo locale più efficaci e su come si possa portare a compimento l’approccio LEADER in maniera più semplice ed efficiente.

Un ringraziamento e vivi complimenti all’organizzazione - sia a livello europeo che italiano - per aver saputo mettere a punto un programma intenso, ricco di spunti e per l’ottima animazione della discussione.



Recapiti

GAL-GARDAVALSABBIA scarl
Via Mulino Vecchio, 4
25087 Barbarano Salò (BS)
tel: 0365 21261
fax: 0365 20944
P.IVA/CF: 02356600987

E-mail | PEC
www.gal-gardavalsabbia.it
www.laterratraiduelaghi.it

Altri Servizi

Newsletter